Posts Tagged ‘Martell

27
Dic
15

Ancora un centenario per Martell !

Confesso, me ne sono dimenticato, ma acciuffando per i capelli l’anno che fugge rimedierò: nel 2015 una delle più importanti maison del cognac, la Martell, festeggia il suo tricentenario! Sì, avete letto bene. martell_300

Si vuole che questa Casa ‘spiritosa’ sia la più antica tra quelle commerciali, e da grossista di acquaviti nei tre secoli trascorsi è diventata la più rispettata azienda tra le Big Four. Certamente non fa i volumi della più grande e concorrente Hennessy, ma si impone per la qualità dei suoi imbottigliamenti, producendo più cognac invecchiati delle altre grandi ditte, che guardano con più interesse  al mercato dei cognac VS e VSOP.

Da Jean Martell, che nel 1715 (ma fonti esterne all’azienda parlano di 1719) fondava la maison, alla Pernod-Ricard, che ne ha acquisito il controllo nel 2001 rilevando la Seagram, tanto cognac è passato nelle sue botti prima e nelle bottiglie poi .

Il capostipite, nato nel 1694 da una famiglia normanna stabilitasi da lungo tempo a Jersey in mezzo alla Manica, ereditò lo spirito commerciale dal padre; praticò nei primi tempi a Guernsey, e si trasferì a Bordeaux, dove nel 1726 si sposò con Jeanne, la figlia del ricco mercante Brunet, cognacense di nascita. Le carte ci dicono che la famiglia Martell traslocò a Cognac due anni dopo. La città tuttavia gli era ben nota, perché le stesse carte raccontano già di relazioni commerciali con i mercanti di acquavite di Cognac nel 1720.

martell_300_2

Campioni di cognac tratti dalle botti degli immensi magazzini Martell

Ancora non era un commercio esclusivo, Martell vendeva di tutto: vino bianco delle Charentes, acquavite, pelli, carbone, fiori e vestiti, insomma lo direste più un bazar che un vero e proprio esportatore, ma i suoi legami con la patria gli aprivano la via del commercio con l’Inghilterra, all’epoca il migliore cliente per il vino e gli spiriti aquitani.

Morta la moglie, Jean si risposò con una Lallemand della potente famiglia cognacense nel 1737, e abiurò la fede ugonotta. Morto lui nel 1753, la vedova continuò il commercio all’insegna di “Veuve Martell”. Grazie ai sei figli avuti dal matrimonio l’impresa rifiorì nel 1775, acquisendo più tardi il nome di “J.&F. Martell” (1807) ed infine nel 1819 “Martell & C.ie”.

martell-bottle-1

Un antico imbottigliamento di cognac VOP –  Jean & Frédéric Martell

Nei decenni i Martell assursero, come i loro concorrenti e parenti Hennessy, a sindaci e parlamentari del regno, attivi sia nel commercio che nella politica regionale, e ad importanti attori della vita sociale cognacense.

Estinto il ramo maschile con Edouard (1920), la dinastia continuò col ramo dei Firino-Martell, per cedere infine il controllo dell’azienda nel 1988, dopo 8 generazioni dalla fondazione, alla multinazionale canadese Seagram, per la favolosa cifra di allora di 850 milioni di dollari, da dividere tra i 40 membri della famiglia, titolari di azioni. Da esperto mercante, René Firino-Martell riuscì a vendere cara la ditta, raddoppiando quasi il valore dell’affare, destreggiandosi tra le offerte di più concorrenti. La somma ottenuta era pari a 36 volte i guadagni annuali della Casa, un gran bel multiplo! Ma si stava vendendo un pezzo di storia di Francia…

martell-at-the-palace-of-versailles-1

I festeggiamenti alla reggia di Versailles per il 300° anniversario di Martell – da http://www.luxuriousmagazine.com

Il triplo centenario è stato festeggiato a maggio nientepopodimeno che al Castello di Versailles – la Martell è sponsor dei restauri – dove (ovviamente) 300 ospiti hanno goduto delle acrobazie della Patrouille de France chiamata a fare gli onori al celeberrimo marchio mondiale, e di un ricco banchetto festivo, seguito da fuochi d’artificio. Altre celebrazioni sono state tenute nell’anno nell’aziendale Chateau de Chanteloup, vicino a Cognac, per festeggiare con tutti i dipendenti ed i fornitori della ditta, un evento con show acrobatico aereo che ha raccolto 2500 persone, e nelle capitali dei maggiori mercati esteri, compresa Lagos in Nigeria, dove il cognac è in inarrestabile ascesa.

martell-at-the-palace-of-versailles-gallery-81

Fuochi d’artificio nel parco della reggia di Versailles – da http://www.luxuriousmagazine.com

 

 

Cosa non si fa per la promozione della propria immagine! E pensate che Martell è il marchio con il maggiore understatement tra i grandi del cognac. E fa spiriti tutto sommato meno gridati ma di sostanza. Ve ne ho già parlato negli anni.

© 2015 il farmacista goloso (riproduzione riservata)

Annunci
01
Set
14

Grande maison o piccolo produttore?

Da chi compro il mio cognac?

Annosa questione, che si ripete identica quando scegliete lo champagne: lo farete dalla celebre casa famosa su scala mondiale, o dal piccolo produttore noto solo ad una cerchia di iniziati ed assidui lettori di guide e riviste specializzate? Cosa possiamo aspettarci dalle prime o dai secondi?

I leader nel mondo del cognac sono 4 giganti più una manciata di grandi aziende, ed offrono fondamentalmente questi vantaggi:

• facile reperibilità dei prodotti
• packaging immediatamente riconoscibile
• rete commerciale globale
• costanza qualitativa
• notorietà mediatica

Di contro gli svantaggi consistono in:

• distillati anonimi fino alla fascia premium compresa (XO)
• prezzo elevato, che comprende i costi di marketing

Gamma di una delle Big Four, Rémy Martin – CC license – author: Newone

Mentre il piccolo produttore (boilleur de cru) offre praticamente l’inverso, quindi come pro:

• filiera in suo totale controllo
• prodotti individualizzati, con stile marcato
• costo in linea col mercato

I contro invece:

• reperibilità scarsa
• rete commerciale non specializzata (dipendenza dall’importatore)
• incostanza qualitativa
• produzione limitata
• packaging spesso anonimo o poco curato

Un piccolo celebre produttore - Jean Fillioux - rèserve familiale - CC license - author: Melkov

Un piccolo celebre produttore – Jean Fillioux – rèserve familiale – CC license – author: Melkov

La scelta quindi è quasi complementare, ciò che offrono i grandi non lo offrono i piccoli. Il paragone con il mercato dello champagne è quanto mai appropriato, e senz’altro familiare ai molti appassionati delle bollicine. Anche qui grandi case e piccoli produttori giocano su questa complementarietà.

Per il cognac la causa è la quantità degli stock e la loro provenienza: le Big Four accumulano centinaia di migliaia di botti di svariatissimi produttori da cui scegliere per creare i loro assemblages e correggere gli squilibri di un’annata poco favorevole con riserve che apportano i caratteri voluti; di qui la costanza dei loro prodotti, che li rende riconoscibili al grande pubblico. Il consumatore si aspetta che il cognac assomigli alla bottiglia precedente, e siccome il maître de chai crea i suoi blend in modo che il nuovo distillato si avvicini il più possibile al campione di riferimento, questa aspettativa sarà certamente soddisfatta.

Nel caso del piccolo produttore, che lavora solo con i vini della sua piccola o grande tenuta, lo stock a disposizione sarà limitato in quantità e qualità, permettendo di correggere le variabilità delle annate con maggiore difficoltà rispetto alle grandi maison. Allora è chiaro che, pur creando distillati con uno stile individuale (che dipende da svariati fattori), le annate faranno sentire la loro variabilità, ed il cognac non sarà mai lo stesso; il carattere artigianale (boutique cognac, dicono gli inglesi)  sarà comunque evidente.

Le grandi aziende hanno a loro vantaggio la notorietà del marchio e la facile soddisfazione del cliente, mentre pagano questo con l’anonimizzazione del prodotto; immaginate di avere un blend di 40 distillati diversi (cosa comune), con tutta la loro singola variabilità: miscelando l’ottimo col mediocre non si tornerà mai ad un prodotto ottimo, ed i caratteri dei distillati pregiati contenuti si appiattiranno.

Nei cognac a grande diffusione si usano generose quantità di distillati dei Fins e dei Bons Bois, spesso lavorati da distillerie di proprietà delle maison, o da distillerie industriali che producono per conto loro: la cura che il piccolo distillatore mette nel distillare il suo cognac qui manca, per quanto i cognac prodotti siano tecnicamente corretti. Quello che raddrizza questi cognac miscelati a centinaia di ettolitri alla volta è l’aggiunta di piccole partite di distillati vecchi e/o di crus pregiati (venduti guarda caso dai boilleurs de cru), che ne rafforzano ed arrotondano il profumo ed il corpo. Il risultato sarà sempre una miscela di distillati con modesta personalità, quale che sia il livello di invecchiamento.

Negli Extra delle grandi firme invece i blend partono dalle riserve pregiate dei “paradisi”, in cui vengono messe ad invecchiare le migliori partite acquistate. Questi cognac saranno sempre di grande soddisfazione, molto meno il loro prezzo.

Il piccolo produttore invece, che per legge può usare solo le sue uve, deve giocare allo scoperto con quello che ha; se è fortunato la sua tenuta è in una zona privilegiata del suo cru, ed allora le cose si fanno facili; altrimenti dovrà giocare con l’alambicco e con la botte per correggere la natura ingrata. Se ha le spalle robuste può permettersi di tenere diverse annate di riserva, e lavorare meglio, altrimenti dovrà vendere il grosso della sua annata alle case maggiori, ma si terrà sempre le partite migliori.

Quale che sia la situazione, avrà ereditato dagli avi uno stock e la sapienza dell’arte, e cercherà di produrre un buon cognac. A volte sarà sublime, altre volte cattivo. Non sempre boilleur de cru significa buon cognac, ma i produttori celebri lo sono perché stanno sopra la media del mercato, il più delle volte per un felice terroir, e spesso per averci unito una secolare conoscenza del saper fare.

Sintetizzando si può affermare che le grandi aziende offrono prodotti costanti, facili da trovare e corretti, ma senza emozioni. Il prezzo può essere molto spesso sopra le righe in rapporto alla qualità offerta: la semplicità.

I piccoli produttori invece vendono cognac leggermente variabili in qualità di anno in anno, molto individualizzati nello stile, e spesso di grande interesse gustativo. Ma questo non vale per tutti. I prezzi normalmente sono coerenti con la media del mercato. L’acquisto perciò crea difficoltà e sorprese a chi non conosca bene il territorio ed i marchi, ma talvolta offre grandi soddisfazioni: la complessità.

Piccolo o grande, semplice o complesso, nessun cognac è da disdegnare in assoluto, salvo i mediocri ed i pessimi.

© 2014 il farmacista goloso (riproduzione riservata)




Contatto / email

cognacecotognata (@) virgilio (.) it

Insert your email to follow the updates

Archivi

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Avvisi legali / legal stuff

Questo blog è protetto dal diritto d'autore © (Legge 22 aprile 1941 n. 633).
E' vietato ogni utilizzo commerciale e non commerciale del contenuto, senza consenso dell'autore.

This blog is copyrighted.
© All rights reserved.

Le IMMAGINI appartengono ai rispettivi proprietari e sono pubblicate su licenza. Nel caso di aventi diritto non rintracciabili, contattare il sito per l'eventuale rimozione.

Questo blog viene aggiornato a capriccio dell'autore, quindi non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001.

Gli articoli pubblicati non sono destinati ad un pubblico di età minore, né intendono incentivare il consumo di alcolici.

Ogni opinione pubblicata è frutto di libera espressione e non ha finalità commerciale alcuna.

NOTA PER IL LETTORE
La pubblicità che può comparire su questo blog non è volontà dell'autore, ma generata automaticamente dalla piattaforma ospitante. Vogliate scusare il disagio.