Posts Tagged ‘lambic

14
Gen
12

Gusto e biodiversità

Leggendo recentemente un blog (www.enoicheillusioni.com) che scrive di alcune birre a fermentazione spontanea, le belghe lambic, mi è maturata una riflessione sul gusto e la biodiversità: vi siete mai chiesti perché molti dei prodotti più gustosi in assoluto, più ricchi di sfumature aromatiche, insomma di piacere gastronomico, derivino da materie prime in cui la componente biologica (ovvero i batteri causa delle fermentazioni) è tipica ed esclusiva di un determinato territorio, per non dire di una micro-zona?

Gli esempi più immediati e conosciuti sono i formaggi a latte crudo, per i quali la flora microbica, spesso tipica di una sola vallata (es. bitto), per tacere delle differenze tra alpe ed alpe (ma qui entriamo nel campo dei gastronomi più smaliziati), costituisce un patrimonio essenziale e caratterizzante del prodotto.

Prendete l’Emmental, i cui buchi nell’impasto sono creati dalle fermentazioni insolitamente gassose dei batteri presenti sui foraggi della valle: l’aspetto del formaggio ne fa un caso tra i più conosciuti. Ma perché oggi l’Emmental non è più buono come decenni fa? Semplice: la lavorazione industriale ne richiede riproducibilità e standardizzazione, così vengono utilizzati ceppi batterici coltivati in laboratorio (i cosiddetti sieroinnesti, o fermenti lattici)  e latte pastorizzato; i formaggi riescono perfetti tecnicamente, ma a prezzo di un notevole appiattimento dello spettro aromatico.
Stesso discorso per il pane, il vino, la birra, ed altre derrate in cui i lieviti e i fermenti riprodotti per tecnologia cancellano la piccola variabilità biologica tra le successive preparazioni, vuoi per l’influenza della stagione sulla materia prima (e quindi, per chi ci crede, dell’azione della Luna e degli astri), vuoi per gli altri fattori che intervengono nella creazione del prodotto, non ultima la mano dell’uomo, cioè lo spirito dell’artefice.
La riscoperta, la valorizzazione del gusto, e la tutela di prodotti come i vini a fermentazione naturale, le birre lambic, il pane col lievito madre, i formaggi a latte crudo, ed altri alimenti in cui la diversità biologica gioca un ruolo nel formare un aroma complesso, molto appagante, e sempre nuovo in ogni singolo manufatto, è oggi un argomento dibattuto e sicuramente anche una moda, credo perlopiù per reazione all’omologazione dei consumi e quindi del gusto; ma è anche un’esigenza culturale per tenere accesa la fiaccola della Tradizione, e per evitarne l’oblio.

Ecco perché il gastronomo oggi ricerca come l’oro i sapori nascosti nelle lavorazioni tradizionali! Sa ben riconoscere il valore dei prodotti in cui l’esperienza e la sensibilità creatrice, l’osservanza del ritmo della natura e la conoscenza dell’irripetibile micro-ambiente d’origine, concorrono a formare le sinfonie di gusto che nascono dalle fermentazioni non programmate dall’industria alimentare.

Annunci



Contatto / email

cognacecotognata (@) virgilio (.) it

Insert your email to follow the updates

Archivi

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Avvisi legali / legal stuff

Questo blog è protetto dal diritto d'autore © (Legge 22 aprile 1941 n. 633).
E' vietato ogni utilizzo commerciale e non commerciale del contenuto, senza consenso dell'autore.

This blog is copyrighted.
© All rights reserved.

Le IMMAGINI appartengono ai rispettivi proprietari e sono pubblicate su licenza. Nel caso di aventi diritto non rintracciabili, contattare il sito per l'eventuale rimozione.

Questo blog viene aggiornato a capriccio dell'autore, quindi non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001.

Gli articoli pubblicati non sono destinati ad un pubblico di età minore, né intendono incentivare il consumo di alcolici.

Ogni opinione pubblicata è frutto di libera espressione e non ha finalità commerciale alcuna.

NOTA PER IL LETTORE
La pubblicità che può comparire su questo blog non è volontà dell'autore, ma generata automaticamente dalla piattaforma ospitante. Vogliate scusare il disagio.