L’autore di questo blog è un goloso, per caso anche farmacista; ha già avuto un antenato con lo stesso nome nella fortunata commedia di Eugène Labiche “La Cagnotte” (1864); la sua golosità, prima, e la sua professione, molto dopo, l’hanno portato ad interessarsi alla degustazione dei distillati di qualità, ed alla pratica della liquoristica, ovviamente su scala amatoriale. Non gli dispiacerebbe di esercitarsi anche nella distillazione, ma impianti, attrezzature e materia prima hanno dimensioni tali da impedire di praticare questa nobile arte su scala domestica.

Così egli si dedica con ininterrotto entusiasmo, ormai da più di 30 anni – ebbene sì, un ‘alcolista’ precoce –  a raccogliere in giro distillati e a degustarli con un palato critico ed appassionato, lontano da ogni schema dottrinario odorante di ‘sommelieria‘ , lasciandosi trasportare soltanto dal proprio gusto, ormai ben allenato.

Come si capirà, il suo vero grande amore è per il cognac, il principe degli spiriti. Per quanto abbia potuto degustare qua e là disitllati buoni, nessuno l’ha conquistato come l’eau de vie charentaise. Del resto, gli inglesi lo sapevano bene, esportavano whisky dalla Scozia, ma importavano e bevevano cognac già da secoli. Nondimeno, anche l’armagnac tradizionale ha fatto breccia nel suo cuore.

Tuttavia il cognac in Italia rimane un prodotto di nicchia – ovviamente non parliamo del cognac del supermercato – e di nicchia è la sua conoscenza: come si produce, si nvecchia, e si degusta correttamente, è pressoché ignorato tanto dall’appassionato quanto dal bevitore occasionale. Questo discorso è meno vero per prodotti di diffusione superiore come whisky e rum/ron, per cui negli ultimi anni si sono visti interessi crescenti anche in Italia. Ma si tratta per loro natura di prodotti alquanto commerciali, e molto di rado da paragonare alle qualità di un buon cognac.

Quindi all’autore è parso il caso, dopo aver constatato con quanta disinformazione e superficialità è trattato il materiale presente sul web in italiano a proposito del cognac, di provare a fare un po’ di divulgazione di qualità, per ridare a questo grande distillato il posto che merita tra i suoi fratelli alcolici. Se questo blog sarà utile a qualche altro appassionato, egli ne sarà felice; se conquisterà qualche nuovo adepto al cognac, ancora meglio; ma soprattutto l’intento è di rendere disponibile a chi la cercherà una sorgente affidabile e si spera sufficientemente esauriente sul mondo del cognac e degli spiriti di vino, grazie all’esperienza, alla passione, ed allo studio del suo autore. Ci riuscirà?

Infine, sia detto chiaramente, il tutto non vuole essere un invito all’alcolismo, ma alle gioie della meditazione che il cognac di qualità assicura.

BEVETE RESPONSABILMENTE (e con cervello, se l’avete) !


7 Responses to “L’autore”


  1. 22 febbraio 2014 alle 11:13

    volevo farle i complimenti.

  2. 2 amedeo
    23 marzo 2014 alle 14:01

    salve le ho inviato un email ,volevo sapere se era interessato a un cognac l or di martell 1990s con foto . mi scusi il disturbo grazie

  3. 3 Andrea
    13 maggio 2014 alle 22:09

    vista la grande esperienza volevo chiedere un consiglio … parlando di bas armagnac secondo Lei dovrebbe essere migliore un distillato nel 1978 con 22 anni in botte o un distillato del 1985 con 28 anni in botte ?
    Grazie

  4. 4 Grey
    25 settembre 2014 alle 11:27

    Egregio Farmacista Goloso,
    Interrompo la lettura del suo denso e meraviglioso blog per lasciarle questo messaggio in cui Le rivolgo i miei piú sentiti ringraziamenti per la qualità degli articoli che Lei ci offre.

    Con affetto,
    Grey Natale

    • 30 settembre 2014 alle 13:21

      Troppo buono, grazie mr. Grey.

  5. 6 Romano Massimiliano
    2 febbraio 2015 alle 14:50

    Si tutto bello ma la birra Samichlaus ( che ho assaggiato in un bar in provincia di Varese) è introvabile! Dove posso andare ad acquistarla?

    • 5 febbraio 2015 alle 12:57

      Effettivamente è una delle birre più rare al mondo, venendo prodotta solo il 6 dicembre (San Nicola-o, da qui il nome) di ogni anno.
      Se capita a Milano ci sono numerosi negozi specializzati in birre d’importazione, uno dei meglio forniti è “A tutta birra”. A Varese tenti alla Vinothèque, se no su internet, ma rischia di pagarla più del giusto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Contatto / email

cognacecotognata (@) virgilio (.) it

Insert your email to follow the updates

Archivi

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Avvisi legali / legal stuff

Questo blog è protetto dal diritto d'autore © (Legge 22 aprile 1941 n. 633).
E' vietato ogni utilizzo commerciale e non commerciale del contenuto, senza consenso dell'autore.

This blog is copyrighted.
© All rights reserved.

Le IMMAGINI appartengono ai rispettivi proprietari e sono pubblicate su licenza. Nel caso di aventi diritto non rintracciabili, contattare il sito per l'eventuale rimozione.

Questo blog viene aggiornato a capriccio dell'autore, quindi non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001.

Gli articoli pubblicati non sono destinati ad un pubblico di età minore, né intendono incentivare il consumo di alcolici.

Ogni opinione pubblicata è frutto di libera espressione e non ha finalità commerciale alcuna.

NOTA PER IL LETTORE
La pubblicità che può comparire su questo blog non è volontà dell'autore, ma generata automaticamente dalla piattaforma ospitante. Vogliate scusare il disagio.