Posts Tagged ‘Westmalle

15
Lug
13

Birra – Westmalle tripel

Riprendiamo l’assaggio delle birre trappiste, un mondo affascinante e complesso, dal momento che d’estate non è opportuno affrontare il mondo dei brandy, a meno d’essere in Norvegia, dove usano i “summer cognac” per riscaldare le estati boreali. In questa stagione è preferibile dedicarsi a bevande rinfrescanti, o se proprio si vuole indulgere ad uno spirito, si può provare un distillato di frutti, servito fresco.

L’abbazia di Westmalle è stata il primo monastero trappista a dotarsi di un birrificio per uso interno nei primi decenni dell’Ottocento. Dopo alcuni decenni ha cominciato a produrre birra per la vendita al pubblico, dapprima solo nei propri locali, dall’anno 1921 in poi anche distribuendola sul mercato. Oggigiorno il birrificio è stato attrezzato con le più moderne tecnologie di livello industriale, pur rimanendo all’interno dell’edificio abbaziale, ed esporta in tutto il mondo. L’abbazia di Westmalle è  riconosciuta come la madre di tutti i birrifici trappisti.

Per quanto si tratti del birrificio monastico di gran lunga più grande (capacità produttiva 45.000 bottiglie/ora da 33cl), la produzione di Westmalle si caratterizza per la sua qualità inappuntabile, secondo lo stile e le regole trappiste; tutto il profitto ricavato si impiega, una volta soddisfatte le esigenze dell’abbazia, e della tecnologia eco-compatibile del birrificio, ad opere caritatevoli ed assistenziali.

La Tripel di Westmalle, dal colore biondo dorato intenso come una pils ceca, si presenta limpida se non si smuove il fondo di lievito, operazione che va tenuta per ultimo. Il cappello è denso, a grana fine, spesso e alquanto persistente, dal colore biancastro. Carbonatazione leggera, quasi inavvertibile al palato, con un finissimo perlage persistente per tutta la beva. Al naso si offrono profumi fruttati e maltati, la nota più facile da percepire è di banana, e il malto tostato si fa sentire. La fermentazione dura due settimane, mentre la rifermentazione è in bottiglia per altre tre in ambiente dedicato prima della messa in commercio, come è d’uso nelle birre trappiste.

Il magnifico aspetto della Westmalle Tripel - ma usate un bicchiere a tulipano, non questi grossi calici.

Il magnifico aspetto della Westmalle Tripel – ma usate un bicchiere a tulipano, non questi grossi calici.

Il palato non è pesante ma sprizza complessità: l’attacco appena dolce reca netta l’impressione di banana, il malto tostato regala sensazioni dolci, che dopo la deglutizione scompaiono per lasciare posto all’amaro deciso e quasi piccante del luppolo ai margini della bocca. Retrogusto alquanto luppolato che ripulisce dagli aromi e persiste lungamente in bocca. Alcolicità ben integrata, si farà sentire più tardi. Colpisce l’eccellente equilibrio tra le note fruttate, dolci, amare, e piccanti.

Birra di qualità e doti aromatiche superiori, prodotta dal 1934; sicuramente la Tripel con cui misurarsi per confrontare questa tipologia di bevanda, talvolta chiamata XXX. Ancora una volta, bravi, i nostri frati!

Temperatura di servizio: di cantina (15°C), mai fredda, per gustarne gli aromi che il frigo ammazzerebbe! Accompagnare sempre con qualche salatino e/o formaggi grassi, tipo Emmental o Gouda, e perché no, qualche pezzetto di pera in stagione. Birra per un aperitivo robusto, da sorseggiare con tutta tranquillità. A mio parere non è da pasto, come la maggior parte della produzione belga.

Per la recensione dell’altra birra di Westmalle cliccare qui:

Westmalle Dubbel

Conservazione: anche qualche anno, evolve nel tempo come un buon vino.

Reperibilità: facile.

Alcolicità: 9,5°

Prezzo: € 2,7 – 3 circa.

08
Lug
13

Birra – Westmalle dubbel

L’abbazia di Westmalle è stata la prima delle trappiste a dotarsi di un birrificio monastico per uso interno nei primi decenni dell’Ottocento. Dopo alcuni decenni ha cominciato a produrre birra per la vendita al pubblico, dapprima solo nei propri locali, dall’anno 1921 in poi anche distribuendola sul mercato. Oggigiorno il birrificio è stato attrezzato con le più moderne tecnologie di livello industriale, pur rimanendo all’interno dell’edificio abbaziale, ed esporta in tutto il mondo. È riconosciuta come la madre di tutti i birrifici trappisti.

wmd2

Birra Westmalle dubbel

Per quanto si tratti del birrificio monastico di gran lunga più grande (capacità produttiva 45.000 bottiglie/ora da 33cl), la produzione di Westmalle si caratterizza per la sua qualità inappuntabile, secondo lo stile e le regole trappiste; tutto il profitto ricavato si impiega, una volta soddisfatte le esigenze dell’abbazia, e della tecnologia eco-compatibile del birrificio, ad opere caritatevoli ed assistenziali.

Questa di Westmalle, dal caratteristico colore bruno come tutte le dubbel, si presenta cupa quasi come una Guinness, rossa in trasparenza. Il cappello è fitto, a grana fine, spesso e persistente, dal colore appena bruno. Carbonatazione leggera, quasi inavvertibile al palato. Al naso offre profumi scuri, di caffè si direbbe, e un leggero fruttato appare al naso insieme ad una bella nota di malto tostato, svelando aromi complessi  man mano. La fermentazione dura due settimane, mentre la rifermentazione è in bottiglia per altre tre in ambiente dedicato prima della messa in commercio, come è d’uso nelle birre trappiste.

Il palato è sorprendentemente leggero ma complesso: l’attacco appena dolce dopo un fugace fruttato reca con sé l’impressione di banana, appaiono note dolci-amare di malto tostato, e sensazioni fruttate cremose, che dopo la deglutizione scompaiono per lasciare posto all’amaro deciso del luppolo ai margini della bocca. Retrogusto luppolato che ripulisce dagli aromi e persiste lungamente sul palato. Alcolicità ben integrata, che però nello stomaco si fa sentire presto.

Birra di qualità e doti aromatiche superiori, la Westmalle dubbel è sicuramente un modello per questa tipologia di bevanda che è anche  chiamata ‘bruin’ in fiammingo o ‘brune’ alla vallone, raramente XX. Bravi, i nostri frati!

Temperatura di servizio: di cantina (15°C), mai fredda! Accompagnare sempre con qualche salatino e/o formaggi grassi, tipo Emmental o Gouda, e perché no, qualche pezzetto di pera in stagione. Birra per un aperitivo robusto, da sorseggiare con tutta tranquillità. Non è da pasto, come la maggior parte della produzione belga.

Per la recensione dell’altra birra di Westmalle cliccare qui:

Westmalle Tripel

Conservazione: anche qualche anno, al fresco. Questa birra evolve e matura come il vino, cambiando carattere col tempo.

Reperibilità: facile.

Alcolicità: 7°

Prezzo: € 2,5 – 3 circa.




Contatto / email

cognacecotognata (@) virgilio (.) it

Insert your email to follow the updates

Archivi

maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Avvisi legali / legal stuff

Questo blog è protetto dal diritto d'autore © (Legge 22 aprile 1941 n. 633).
E' vietato ogni utilizzo commerciale e non commerciale del contenuto, senza consenso dell'autore.

This blog is copyrighted.
© All rights reserved.

Le IMMAGINI appartengono ai rispettivi proprietari e sono pubblicate su licenza. Nel caso di aventi diritto non rintracciabili, contattare il sito per l'eventuale rimozione.

Questo blog viene aggiornato a capriccio dell'autore, quindi non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001.

Gli articoli pubblicati non sono destinati ad un pubblico di età minore, né intendono incentivare il consumo di alcolici.

Ogni opinione pubblicata è frutto di libera espressione e non ha finalità commerciale alcuna.

NOTA PER IL LETTORE
La pubblicità che può comparire su questo blog non è volontà dell'autore, ma generata automaticamente dalla piattaforma ospitante. Vogliate scusare il disagio.