16
Ott
17

La vendemmia dell’annus horribilis 2017 a Cognac – il punto

A vendemmia conclusa tiriamo le somme dell’annus horribilis 2017, segnato a fine aprile da una nevicata e successive gelate tardive, che hanno dato molti pensieri ai vignaioli delle Charentes.

Ormai le macchine vendemmiatrici sono tornate sotto le tettoie, ed il vino ribolle nei tini. Ma quanto ce n’è?

machievendageur

Macchina vendemmiatrice all’opera

L’annata è stata caratterizzata da due botte di gelo in aprile, di cui quella del 27 è stata la peggiore dal 1991. La grandine, frequente nella regione, ha fatto altri danni a fine agosto.

Il 2017 si ricorderà quindi per una produzione minore, una vendemmia assai precoce, ai primi di settembre, come nel 1999 e nel 2003 – mentre la norma era fino a pochi anni prima iniziare a vendemmiare il primo lunedì di ottobre – ma soprattutto per la grande disparità nella raccolta: alcune zone sfortunate hanno subito danni da gelo fino al 90% della produzione, tuttavia la resa media della regione è stata solo del 20% inferiore rispetto ad un’annata normale.

Nelle zone colpite pesantemente dal gelo i grappoli salvati presentano acini maturi in mezzo ad altri acerbi, ed è stato necessario prolungare la vendemmia per permettere di sviluppare il grado alcolico necessario alla distillazione.

In ogni caso le rese complessive nella AOC Cognac sono state più che discrete, mediamente 90 quintali/ettaro, contro i 110 abituali; la resa in alcool potenziale, dato il grado alcolico medio raggiunto di 9,7° si prevede in 8,5 hl di alcool puro per ettaro; il dramma di quest’anno pazzo è che alcuni poderi otterranno a malapena 3,5 hl di alcool/ha, mentre altri non toccati dal gelo fino a ben 12 hl, un divario raramente visto in zona.

La salvezza dei più previdenti vignaioli verrà dalla cosiddetta “réserve climatique”. Questa riserva altro non è che una parte di acquavite appena distillata, di cui è autorizzata la conservazione in acciaio, per un massimo di 7hl di alcool puro per ettaro di vigna posseduta. Quest’anno si potrà utilizzare la scorta secondo i danni subiti, e quindi il 2017 vedrà l’immissione in botte di circa 100.000 ettolitri di acquavite distillata negli anni precedenti.

Cognac barrels more than 100 years old

Cognac in invecchiamento

Per alcune maison sarà un’annata da ricordare, purtroppo, per altre solo leggermente infelice; le grandi case hanno riserve sufficienti a soddisfare la domanda di cognac sempre in crescita, con qualche interrogativo quest’anno per le qualità più giovani. Ma il mercato secondario del distillato, che si attiva tra febbraio e marzo, potrà dare risposte alle esigenze di tutti, con la previsione di un rialzo certo dei prezzi. Alla fine è andata meglio di quanto si pensasse ad aprile.

© il farmacista goloso 2017 (riproduzione riservata)

Annunci

0 Responses to “La vendemmia dell’annus horribilis 2017 a Cognac – il punto”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Contatto / email

cognacecotognata (@) virgilio (.) it

Insert your email to follow the updates

Archivi

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Avvisi legali / legal stuff

Questo blog è protetto dal diritto d'autore © (Legge 22 aprile 1941 n. 633).
E' vietato ogni utilizzo commerciale e non commerciale del contenuto, senza consenso dell'autore.

This blog is copyrighted.
© All rights reserved.

Le IMMAGINI appartengono ai rispettivi proprietari e sono pubblicate su licenza. Nel caso di aventi diritto non rintracciabili, contattare il sito per l'eventuale rimozione.

Questo blog viene aggiornato a capriccio dell'autore, quindi non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001.

Gli articoli pubblicati non sono destinati ad un pubblico di età minore, né intendono incentivare il consumo di alcolici.

Ogni opinione pubblicata è frutto di libera espressione e non ha finalità commerciale alcuna.

NOTA PER IL LETTORE
La pubblicità che può comparire su questo blog non è volontà dell'autore, ma generata automaticamente dalla piattaforma ospitante. Vogliate scusare il disagio.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: