10
Mar
13

Il distillato di gelso bianco (fehér eper tistza pálinka)

Oggi vi parlo di un’altra curiosità alcolica, non si tratta certo di uno spirito da mass market: il distillato di gelso bianco, un’acquavite decisamente inconsueta. Ma ormai vi ho abituato alle rarità.

Il frutto, i lombardi (ma anche i siciliani) con qualche annetto alle spalle, e qualche esperienza di vita in campagna, dovrebbero conoscerlo, vera prelibatezza: i bambini in scorribanda nei prati verso la prima estate spesso incontravano queste piante assieme ai loro fratelli gelsi neri lungo le rive dei fossi; si tornava con le mani e la lingua neri, e col mal di pancia per il troppo mangiare di queste more di albero, gustose e succose, di sapore dolce-aspro. Popolarmente queste piante, importate già dal 1400 dalla Cina per l’allevamento del baco da seta (che è ghiotto delle sue foglie), portano il nome di moroni per l’aspetto dei frutti simili alla mora. Oggi ne sopravvivono rari esemplari, qua e là nelle campagne, ed a scopo ornamentale in qualche giardino.

Il distillato di gelso bianco - ditta Zwack (Ungheria)

Il distillato di gelso bianco – ditta Zwack (Ungheria)

Il distillato invece è stato un curioso incontro durante un viaggio in Ungheria: è infatti prodotto dalla distilleria Zwack, grande azienda ungherese nota anche da noi per il suo amaro Unicum. L’azienda da alcuni anni si dedica alla produzione di distillati di frutti di qualità superiore, secondo la buona tradizione austro-ungarica, mettendo in commercio piccole edizioni numerate di bottiglie meno commerciali.

Il nome, impronunciabile per i latini è: fehér eper pálinka, che sta per acquavite di gelso bianco.

Il distillato, come sempre, è trasparente, di profumo vivo e caratteristico, che non ricorda nessuno dei più comuni frutti, l’unica debole affinità è con note di grappa bianca marcatamente dolce, mai pungente; il gusto è inizialmente molto rotondo e morbido, torna l’aroma iniziale, ma con note fruttate nuove e una sfumatura acidula; poi l’alcool ha il sopravvento pur con buona rotondità; il retrogusto persiste per un poco, ricordando le note di grappa di prima.

Questo distillato, per quanto morbido e setoso, dall’aroma del tutto peculiare, non è tra quelli che fanno venire i brividi di piacere; resta pur sempre una curiosità alcolica, e un capriccio d’alambicco; il gelso bianco purtroppo non ha una gamma aromatica da rendere ampia ed imponente la sua quintessenza, a differenza del suo simile in aspetto, il lampone, che distillato rende al meglio. Tuttavia, in competizione tra altri nel 2009 la bottiglia ha ottenuto il riconoscimento di medaglia d’oro nel World Spirits Award, un concorso internazionale per liquori con base in Austria.

ETICHETTA

ZWACK SÁNDOR

NEMES PÁLINKA

Fehér – Eper

Tiszta pálinka

Alc. 40%  0,35 l

Sorszámozott 2010/172

Advertisements

0 Responses to “Il distillato di gelso bianco (fehér eper tistza pálinka)”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Contatto / email

cognacecotognata (@) virgilio (.) it

Insert your email to follow the updates

Archivi

marzo: 2013
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Avvisi legali / legal stuff

Questo blog è protetto dal diritto d'autore © (Legge 22 aprile 1941 n. 633).
E' vietato ogni utilizzo commerciale e non commerciale del contenuto, senza consenso dell'autore.

This blog is copyrighted.
© All rights reserved.

Le IMMAGINI appartengono ai rispettivi proprietari e sono pubblicate su licenza. Nel caso di aventi diritto non rintracciabili, contattare il sito per l'eventuale rimozione.

Questo blog viene aggiornato a capriccio dell'autore, quindi non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001.

Gli articoli pubblicati non sono destinati ad un pubblico di età minore, né intendono incentivare il consumo di alcolici.

Ogni opinione pubblicata è frutto di libera espressione e non ha finalità commerciale alcuna.

NOTA PER IL LETTORE
La pubblicità che può comparire su questo blog non è volontà dell'autore, ma generata automaticamente dalla piattaforma ospitante. Vogliate scusare il disagio.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: