24
Dic
12

Come si degusta il cognac

Questo (ʽalla russa’) non è il modo di bere il cognac.

Prendete il bicchiere nella mano,

scaldatelo, ruotatelo dolcemente per liberare gli aromi.

Poi portatelo al naso, e odorate.

Infine, mio caro signore, appoggiate il bicchiere sul tavolo e…

 cominciamo a parlarne.

(Talleyrand)

 

Sembrerà strano, ma molta gente non sa come si degusta il cognac. Non è un’arte difficile, ma richiede qualche accorgimento, e  soprattutto un po’ di tempo e di attenzione.

Il cognac non è un liquore che si inghiotte velocemente, né tantomeno che si beve in quantità. Nel nostro bicchiere avremo di solito un liquido invecchiato almeno 4 anni (VSOP) e talvolta anche oltre 40 (EXTRA), che ci richiederà una piccola parte della calma e della pazienza impiegata nel maturarlo, per rivelare le sue generose doti, che tiene ben nascoste al bevitore frettoloso.

Non serve avere una poltrona di pelle, non è necessario abitare in un castello né sedersi davanti ad un camino acceso, ma ci vuole qualche accessorio: un bicchiere adatto, un naso ricettivo, e infine del tempo per meditare su ciò che riceviamo man mano dal liquido che stiamo tenendo in mano.

Elegante servizio per un cognac d’eccezione.
La vendemmia 1914, oltre che superlativa, è stata chiamata “la vendange des dames” poichè tutti gli uomini erano stati chiamati a fronteggiare i tedeschi allo scoppio della 1a guerra mondiale.

La prima cosa importante è il calice giusto: se volete bere cognac, buttate nel cassone del vetro il bicchiere ballon, se l’avete; munitevi invece di un bicchiere a tulipano, o da sherry, o, nella peggiore delle ipotesi, da grappa.

La seconda è ancora più importante, il servizio: e qui, cari barman e ristoratori, vi prego, ascoltate: servite il cognac portando la bottiglia al tavolo del cliente, e versatelo in sua presenza nel bicchiere appoggiato sul tavolo. Questo non per sfiducia, ma per un motivo molto semplice: gli aromi più sottili dell’acquavite, il cosiddetto primo naso, si liberano appena versato il liquido; se lo fate al banco e poi portate al cliente il bicchiere, questi profumi delicati si saranno persi per strada; mentre svaniranno ancora più velocemente se prima riscaldate il bicchiere o lo fate ruotare. Evitate assolutamente di usare misurini o dosatori, il travaso è altrettanto deleterio. Servite il cognac correttamente, così non priverete il vostro cliente di un piacere che gli spetta e che merita di ricevere dalle vostre attenzioni professionali.

La quantità ottimale di servizio è 3-4 cl, mentre la temperatura è di 18-22 gradi. Il freddo esalta i profumi pesanti, il caldo fa sviluppare troppo alcool che copre gli aromi interessanti del distillato.

La degustazione vera e propria avviene in fasi successive, che possono essere ripetute più volte.

Si comincia col valutare il primo naso, cioè l’impressione data dal distillato appena versato nel bicchiere. È il momento in cui si percepiscono gli aromi più sottili e delicati del cognac, e che dura pochi istanti per la loro volatilità. Gli esperti riconoscono già in questo primo momento l’essenziale delle qualità del cognac in degustazione, senza nemmeno assaggiarlo. Questa fase è l’unica a non poter essere ripetuta, a meno di versare un nuovo bicchiere.

Il secondo naso è l’aroma che segue la prima impressione; qui si scoprono gli aromi meno volatili, tipicamente le note legnose ed il fruttato ed il floreale persistente; il leggero riscaldamento con la mano (humanisation) ed una delicata rotazione nel calice esaltano queste caratteristiche; questi profumi sono molto più stabili e durano per tutto il tempo della degustazione, anche più di un’ora. Se permettete al cognac di evolversi, vi rivelerà molte sfumature tanto più cangianti quanto più il cognac è invecchiato e complesso. Il piacere maggiore del cognac viene da questa fase, quindi non abbiate fretta di berlo subito.

L’assaggio è la fase seguente: cominciate con un minuscolo sorso, tenendolo tra le labbra, e poi portatelo in bocca masticando un po’ d’aria. Il cognac vi rivelerà parecchi aspetti della sua struttura ricoprendo la lingua ed evaporando col calore: ne capirete la dolcezza, l’astringenza, l’alcolicità, il suo corpo,  la ricchezza degli aromi, e la sua età. Distinguere i vari aspetti è un esercizio non facile, per la complessità del distillato, che riesce meglio al palato allenato. Ma non preoccupatevi troppo, gustate il vostro liquore.

Alcune bottiglie di pregiati cognac di grandi Maison (Remy Martin e Hennessy).

Quando le poche gocce del primo assaggio di un cognac si espandono grandiosamente in bocca, dando una sensazione di volume e di magnificenza aromatica, siete in presenza di un distillato eccezionale! Il fenomeno, piuttosto raro, chiamato pittorescamente dai francesi ʽcoda di pavone’ perché il liquore ʽfa la ruota’ in bocca, è indice di un cognac di altissimo pregio. Non è detto che il distillato sia stravecchio, un cognac di 25 anni può già presentare questo fenomeno singolare, dato dall’enorme concentrazione degli aromi contenuti nel liquido.

Ora inghiottite, e cogliete la prima impressione del retrogusto e degli aromi che risalgono il naso da dietro. Pensate a cosa vi ricordano Fate una pausa. Anche qui l’esercizio riuscirà meglio a chi è allenato.

Riprendete l’assaggio stavolta con una quantità maggiore, ma comunque piccola: ora fate girare il cognac in bocca, masticando appena un po’ d’aria. Avrete la percezione precisa dei profumi, del corpo e della struttura del cognac: è leggero, è complesso, è ricco di sfumature, è dolce? In questo modo si svela ogni sua caratteristica, e ogni sua pecca! Cercate di ricordare le impressioni suscitate al naso: corrispondono alle sensazioni in bocca o c’è disarmonia? Un cognac di qualità dà sensazioni coerenti in entrambe le fasi. Un cognac squilibrato non mantiene le promesse fatte al naso. Troppa dolcezza o legnosità sono sospette.

Dopodiché inghiottite a piccoli sorsi, e rivalutate gli aromi retronasali. Avvertite vaniglia, spezie? legno da scatola di sigari, aromi fruttati? Di noce o di canditi? Di eucalipto? Un buon cognac ha una grande ricchezza.

In ultimo a bocca vuota considerate il retrogusto: lascia un sapore duraturo, è fugace, è aromatico? Un grande cognac permane in bocca a lungo con una nota dolce-amara di tannini e dura svariati minuti, evolvendosi perfino ancora un certo tempo, se è piuttosto invecchiato .

Quando avete finito, riprendete in mano il bicchiere, e ricominciate la degustazione, senza fretta, fino ad esaurire il cognac. Ad ogni piccolo sorso scoprirete nuove sfumature, e il comparire di nuove note assenti nei primi istanti.

Il cognac si evolve mentre lo bevete, e vi regala emozioni e profumi sempre più complessi col passare dei minuti. Un distillato di razza gioca col vostro naso e col vostro palato fino a due buone ore, se avete la pazienza di assaporarlo così a lungo senza cedere alla tentazione di vuotare il bicchiere.

Come regola generale, dovreste cominciare ad assaggiare il vostro cognac dopo un tempo in minuti di circa la metà dei suoi anni di invecchiamento, lasciandolo respirare nel bicchiere che tenete nella mano. In pratica se si tratta di un XO di circa 25 anni, fate passare almeno 10-15 minuti prima di portarlo alle labbra.

Ultimo regalo del cognac, annusate il bicchiere ormai vuoto. Anche dopo alcune ore dalla degustazione sarete in grado di cogliere l’ultima nota lasciata dal distillato: spesso un intenso aroma vinoso fuso al legno di quercia. I grandi cognac invecchiati hanno tale densità aromatica da lasciare traccia di sé nel bicchiere vuoto anche dopo alcuni giorni dalla degustazione. Se capita, fatene la prova, rimarrete stupiti!

Come si vede, la degustazione di un cognac non è cosa immediata, ma se effettuata con calma e con il giusto metodo, dona un piacere sfaccettato e duraturo, che nessun altro distillato può offrire e compensa ad usura del suo costo apparentemente maggiore.

Il cognac è a pieno diritto il RE dei distillati.

© 2012 il farmacista goloso (riproduzione riservata)

 

Advertisements

6 Responses to “Come si degusta il cognac”


  1. 1 Antonio
    15 settembre 2013 alle 17:53

    Non sono un intenditore e non so se riesco a percepire tutti quei sapori e profumi comunque ci provo a bere senza fretta un Remy Martin XO Excellence.

    • 16 settembre 2013 alle 13:27

      Sicuramente lo apprezzerà di più con la calma che il cognac richiede. Pensi solo a quanti anni questo distillato ha dovuto maturare prima di poterlo versare nel bicchiere, dedicargli un po’ di tempo sarà il minimo del riguardo.

      Se l’esperimento avrà successo, provi a considerare altri XO di piccoli produttori, è probabile che ne riceverà ancora più grandi soddisfazioni.

  2. 3 Ivan
    27 dicembre 2013 alle 22:45

    Salve, é la prima volta che bevo del cognac, mi hanno regalato una bottiglia di prunier vs, non ho la minima idea n’e della qualità ne dell’invecchiamento, l’unica cosa che avverto dall’odore é un profumo di miele, ma al palato parecchio alcool….

    • 28 dicembre 2013 alle 16:12

      E’ normale, i VS sono la qualità più giovane… comunque Prunier è una media maison che lavora bene.
      Cerchi nell’indice la voce invecchiamento e le sarà tutto più chiaro. Buon anno nuovo col cognac !

  3. 5 Stefano
    31 agosto 2016 alle 09:16

    Buongiorno Farmacista,
    innanzitutto le faccio i complimenti per lo spettacolare blog che è riuscito a costruire.
    Sono un totale profano di 25 anni che grazie alla passione del padre per i vini e il buon bere in generale si sta avvicinando, in modo più consapevole, al mondo dei distillati.
    Un occhio di riguardo, vuoi per la sua fama storica, non poteva che andare al “re” dei distillati.
    Ho letto con piacere ogni suo singolo post del blog con crescente curiosità e posso dire nel mio piccolo di aver imparato molto da lei e come spesso le capita di ricordare purtroppo è l’unico in Italia che cerca di scostare un po’ la tenda sul magnifico mondo del cognac.
    Ora le vorrei chiedere un consiglio, per caso un paio di anni fa siamo riusciti a portare a casa un Courvoisier XO le voyage de napoleon, edizione speciale disponibile nei duty free, primo cognac mai transitato nella nostra dimora. Senza la dovuta preparazione l’abbiamo bevuto rimanendo folgorati da sensazioni inspiegabili al “buio” della nostra ignoranza in materia. Ora il nuovo di casa è un Remy Martin XO, follia per il prezzo. Al di là di un consiglio sulla degustazione di quest’ultimo cosi che non vengano sprecate le sue qualità e il tempo dedicato alla sua realizzazione, le volevo chiedere un consiglio sul prossimo acquisto. Con il Courvoisier e il Remy Martin siamo andati sui nomi altisonanti che mi pare di capire rappresentino l’anima un po’ commerciale e industriale del cognac. Ora lei consiglia spesso di non fermarsi al nome d fama ma di andare sui piccoli produttori ricchi di sorprese celate capaci di nobili confronti con i loro fratelli dai nomi più prestigiosi. E cosi chiedo, quale bottiglia potremmo provare per tentare di liberarci dalla tentazione delle maison famose per approdare su cognac più “curati” dei piccoli produttori che rivelino la vera essenza di questo distillato? Il Budget è quello dei precedenti acquisti, intorno al centinaio di euro. Mi scusi per il messaggio prolisso e grazie in anticipo per il tempo che mi dedicherà.

    • 31 agosto 2016 alle 14:04

      Un lettore conquistato al cognac. Ottimo !


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Contatto / email

cognacecotognata (@) virgilio (.) it

Insert your email to follow the updates

Archivi

dicembre: 2012
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Avvisi legali / legal stuff

Questo blog è protetto dal diritto d'autore © (Legge 22 aprile 1941 n. 633).
E' vietato ogni utilizzo commerciale e non commerciale del contenuto, senza consenso dell'autore.

This blog is copyrighted.
© All rights reserved.

Le IMMAGINI appartengono ai rispettivi proprietari e sono pubblicate su licenza. Nel caso di aventi diritto non rintracciabili, contattare il sito per l'eventuale rimozione.

Questo blog viene aggiornato a capriccio dell'autore, quindi non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001.

Gli articoli pubblicati non sono destinati ad un pubblico di età minore, né intendono incentivare il consumo di alcolici.

Ogni opinione pubblicata è frutto di libera espressione e non ha finalità commerciale alcuna.

NOTA PER IL LETTORE
La pubblicità che può comparire su questo blog non è volontà dell'autore, ma generata automaticamente dalla piattaforma ospitante. Vogliate scusare il disagio.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: